Alle porte di Gerusalemme

Il testo di questa poesia fa parte della raccolta poetica “Ritmi urbani (Poesie 1990-2010)” di Antonio De Lisa. Le immagini sono state realizzate da Cinzia Marroccoli durante il nostro viaggio in Israele nel luglio-agosto 2009 e montate dall’autore. La musica è dell’autore, tratta da un pezzo per suoni di sintesi intitolato “Orphikà”.

Videoproduzione: Studio Polimaterico Blu

Testo/Text:
“Alle porte di Gerusalemme” (testo)

Da lontano è come un’immagine / di sogno la terra promessa. // Al check-point un soldato / mi indica la strada in salita // per Gerusalemme città dorata / con un gesto e un assenso // che è insieme preghiera e resa / indicazione e gesto di intesa. // Gerusalemme terrena. / Gerusalemme celeste. // Un territorio armato.
/ Mi lascio alle spalle // stazioni di rifornimento / con mercatini di filo spinato // formicolanti e pullulanti / di gente che viene da Berlino, // Budapest, Varsavia, Odessa. / Il deserto è uno spettro di sale // con Masada, Qumran, i rotoli / del Mar Morto, la Giordania lontana. // Il deserto è solitudine terrena / col miraggio della città celeste. // Il deserto. / Che parla una lingua // antica come il mondo.
/ La radio in macchina emette // suoni che potrebbero annunciare / da un momento all’altro una guerra. // La gente viaggia con scorte e viveri,
/ disposta a vivere o a morire, // pronta a tutto. / Anche andare fino in fondo. // Da una parte e dall’altra, / ebrei e arabi // hanno messo nel conto di indossare
/ la veste di un eventuale lutto. // Il traffico ora li porta in un’unica veste
/ di pellegrinaggio, ma un gesto solo, // un solo richiamo potrebbe schierarli
/ da una parte o dall’altra come due eserciti. // Sono tutti pronti, nell’imminenza.
/ Da una parte e dall’altra della città celeste.

At The Gates Of Jerusalem

From a distance it’s like a picture / Of dream the promised land. // A soldier at the checkpoint / Indicates me the uphill road // For Jerusalem Golden City / With a gesture and a consent. //That is both prayer and surrender / Indication and gesture of understanding. // Earthly Jerusalem. /Heavenly Jerusalem. // An armed territory. // I am leaving behind
Stations / With markets of barbed wire / Swarming and teeming // Of people coming from Berlin, Budapest, Warsaw, Odessa. // The desert is a spectrum of salt / With Masada, Qumran, // The Dead Sea rolls, Jordan away. / The desert is earthly wilderness. // With the mirage of the heavenly city. / The desert. Who speaks a language. // Old as the hills. / The radio in the car emits // Sounds that could announce / A war at any moment. // People travel with supplies and food, / Willing to live or die, // Ready for anything. Even go all the way. / From both sides Jews and Arabs // Put in the account of wearing / The clothes of an eventual mourning. // Traffic hours brings them into a single garment / Of pilgrimage, but only a gesture, // A single call could deploy Jews and Arabs / On one side or the other as two armies. // They are all ready, ready for imminence /On both sides of the heavenly city.




Categorie:K01- Alle porte di Gerusalemme

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: