Antonio De Lisa- Scenografia di “Tu, Candido”

La soluzione adottata per la scenografia di “Tu, Candido” è quella della “scena simultanea”. Sulla stessa scena ci sono due situazioni diverse: la prima, a destra, è quella dove si svolgono le azioni di Candido e Cunegonda, Voltaire e Leibniz; la seconda rappresenta una camera ideale di Candido, che ha riempito le pareti di ritratti di Cunegonda.

Prima idea della scenografia
Due pannelli chiusi intersecati a V
Le quinte della scena primaria in fase di allestimento
Idea originale della stanza di Candido, poi semplificata
Scene affiancate
La pedana della scena primaria, ai cui lati anteriori sono sistemati Candido e Cunegonda
Uno dei due sgabelli girecoli previsti per la recitazione di Voltarire e Candido

Elementi pittorici

Nel quadro di una commedia stilizzata e in maschera, gli elementi pittorici rischiano il più delle volte di creare più disturbo che effetto. La dimensione visiva della scena è astratta, ma si è voluto inserire un elemento pittorico nella scena secondaria, tappezzando lo sfondo dello studio di Candido di disegni ritraenti il volto di Cunegonda, come se le avesse fatti lo stesso Candido nel suo delirio d’amore. Alla fine della scena sesta l’Ombra di Candido esegue una danza mimica accarezzando le figure.

Bozzetti di ritratti di Cunegonda da appendere sullo sfondo della stanza di Candido

Luci: l’idea del quadrato magico

Per le luci avevamo a disposizione solo quattro piantane da sala. Così è nata l’idea del “quadrato magico”. Le piantane sono state sistemate a formare un quadrato, con la direzione dei faretti a incrocio: ciascuno illuminava la faccia opposta del quadrato. Qualcosa si è ottenuto. Il quadrato magico inoltre serviva a rafforzare l’idea del carillon. La scena come un carillon.


Costumi

I costumi sono da teatro povero, ma esibiscono una certa raffinatezza, pur nei limiti di un lavoro di assemblaggio e di ready made. Ci siamo inventati tutto, spesso correndo il rischio di sconfinare in una recita da festa di carnevale. Ma per fare quello che facciamo abbiamo bisogno di una certa spregiudicatezza, talvolta un tantino temeraria.

-PRESENTATORE: maschera nera papillon(rosso) su collo nudo bretelle pinocchietto calze rosse(che richiamano il papillon) hogan

-I NERI faccia nera vestito bianco

-CUNEGONDA (bella) maschera camicia nera gonna lunga nera trasparente con sottogonna scarpe lucide

-CANDIDO maschera maglia bianca con n°9 e la scritta Candido pantaloni da scout scarponi

-LETTORE maschera argentata giacca nera camicia bianca cravatta nera (con nodo molto stretto) jeans scarpe grige

-LEIBNIZ maschera gialla capelli blu mantello nero

-VOLTAIRE maschera vestito tutto in nero

-VOCE DI LEIBNIZ maschera mantello nero con un grande cappuccio

-OMBRA DI CANDIDO maglia nera con scritta bianca

-PETTEGOLE grembiule (messo a metà) una pezza(da tenere in mano per fingere che stiano pulendo) ciabatte

-GIOCOLIERA vestita normale

Scena tre

Trucco

Il trucco ha sollecitato l’inarrivabile fantasia delle fanciulle della compagnia a produrre il meglio di sé. Sotto l’esperta guida di Roberta Auletta, ogni pennellata è andata al posto giusto. Ogni volto ha avuto la sua parte.



Categorie:R03- Tu, Candido

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: